Manifestazione di interesse per l’individuazione di partner di progetto per la partecipazione al bando di ANCI “Fermenti in Comune”

Con determinazione del 24 dicembre n. 6317 del Settore XII – Cultura e Turismo, è stata approvato l’Avviso, pubblicato sul sito istituzionale dell’Ente nello spazio “In evidenza”, riguardante la manifestazione di interesse per l’individuazione di partner del Comune di progetto, per la partecipazione al bando di ANCI “FERMENTI IN COMUNE”. Con detto provvedimento è stato altresì approvato il modello dell’istanza di partecipazione ed il modello di proposta progettuale.
Il bando di ANCI si propone di selezionare proposte progettuali presentate dai Comuni, suddivisi per fasce dimensionali, che attivino sui territori un’azione forte e mirata di sviluppo, rilancio e innovazione, incentrata su un ruolo incisivo da parte dei giovani under 35.
L’individuazione del partenariato operativo del Comune di Ragusa avverrà a seguito di valutazione delle proposte progettuali, inviate entro la data di scadenza del 05/01/2021 alle ore 13, da parte di una Commissione tecnica che verrà costituita dopo la chiusura dei termini di presentazione dei progetti.
Con l’avviso approvato dal Comune vengono indicati i soggetti ammessi a partecipare in qualità di partner del Comune di Ragusa (ente capofila) e precisamente:
– associazioni, in particolare quelle giovanili, e/o enti privati;
– altri partner pubblici, compresi altri Comuni;
– Associazioni temporanee di scopo” (ATS) in via di costituzione tra soggetti che, sulla base della normativa vigente, sono qualificati enti del Terzo settore, formate da un massimo di tre enti (incluso il Capofila), il cui direttivo è costituito per la maggioranza da giovani tra i 18 e i 35 anni.
“Le proposte progettuali – dichiara l’assessore alla cultura Clorinda Arezzo – dovranno essere coerenti con uno o più degli ambiti tematici indicati nell’avviso ed in generale con le necessità del mondo giovanile emerse a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Nello specifico l’idea da sviluppare riguarda la biblioteca comunale non solo con la creazione di un caffè letterario, ma anche per una migliore funzionalità della stessa con particolare riguardo al profilo della fruizione da parte delle fasce giovanili”.

La Consulta giovanile promuove il contest fotografico #RAGUSAATAVOLA

La Consulta Giovanile del Comune di Ragusa ha approvato nella seduta del 7 dicembre la proposta di organizzare con la collaborazione dell’assessorato alla cultura del Comune, di Domenico Arezzo, dell’associazione culturale Iblazon e della Confcommercio, il contest fotografico #RAGUSAATAVOLA.
L’iniziativa per la quale la Consulta ha approvato anche un regolamento si propone, sfruttando il potere dei canali social e la loro massima diffusione, di creare una catena di solidarietà tra i cittadini per cercare di dare respiro a un settore del mondo del lavoro, quello della ristorazione (bar, ristoranti e pasticcerie e simili), che a causa dell’emergenza sanitaria sta subendo significative perdite economiche.
Il contest partirà dalle ore 15 di domani, mercoledì 16 dicembre e si concluderà alle 23 del 17 gennaio 2021.
Lo spirito del contest #RAGUSAATAVOLA è quello di invogliare la popolazione ragusana ad acquistare prodotti della ristorazione tramite l’asporto o il domicilio, strumenti che ad oggi da un lato permettono a queste realtà di lavorare e dall’altro riducono i rischi di assembramenti di persone e quindi di possibili contagi. L’idea della Consulta giovanile è quella di riuscire a strappare qualche sorriso e regalare dei momenti di creatività a tutti coloro che intendono partecipare a questa iniziativa inserendo un pizzico di originalità nelle foto e nei selfie che verranno postati, in modo tale che le foto non ritraggano staticamente solo il prodotto e i consumatori. Dovranno essere realizzate delle foto dinamiche, che esprimano la voglia di lottare e di essere solidali gli uni con gli altri. In particolare, le foto dovranno avere come tema/sfondo quello del viaggio (attività che purtroppo siamo costretti a rimandare). Se quindi, per esempio, si acquisteranno degli hamburger il tema potrebbe essere un viaggio in America, disegnando una bandiera americana, truccandosi con i colori tipici dell’America o se magari si decidesse di acquistare del sushi potrebbe starci perfettamente un soggetto vestito con un kimono per rievocare il Giappone.
Il tema del viaggio dunque è molto ampio ed ci si potrà avvalere anche di sfondi digitali o di qualsiasi altra cosa di cui la vostra immaginazione possa aver bisogno.
Il regolamento per partecipare al contest fotografico #RAGUSAATAVOLA è il seguente:
1. il contest è rivolto a tutta la popolazione del Comune di Ragusa senza limiti di età e per un numero massimo di 6 persone presenti nella foto, nel rispetto delle regole antiCovid19;
2. acquista uno o più prodotti della ristorazione (bar, ristoranti, pasticcerie e simili) tramite asporto o domicilio e nell’attesa che il prodotto giunga nelle vostre case o uffici preparate la tavola, i luoghi, gli sfondi o i vostri outfit in base al tema del viaggio scelto;
3. scatta una foto o un selfie in cui vengono ripresi i prodotti acquistati (senza i marchi) e i partecipanti al contest;
4. invia la foto tramite messaggio privato sulla pagina facebook #RAGUSAATAVOLA (http://facebook.com/ragusatavola) taggando i nomi dei partecipanti e dando, eventualmente, una breve descrizione della foto;
5. attendi la pubblicazione del post e condividi, invitando altri amici o parenti, sia a partecipare, sia a mettere i like.
Le tre foto che riceveranno più like vinceranno i premi messi in palio appositamente dalla consulta giovanile che saranno i seguenti:
Prima foto classificata: tour guidato “aporteaperte” presso Circolo di Conversazione e Teatro Donnafugata di Ragusa Ibla dalla durata di 40 minuti per un max di 6 ingressi, offerto dall’associazione culturale Iblazon;
Seconda foto classificata: visita guidata del Palazzo Arezzo di Trifiletti dalla durata di 30 minuti per un max di 6 ingressi, offerto dal Sig. Domenico Arezzo;
Terza foto classificata: accesso al Castello di Donnafugata, al parco e al museo del costume Mudeco per un max di 6 ingressi, offerto dal Comune di Ragusa.

Approvato il nuovo regolamento della Consulta Giovanile. Dichiarazione del delegato alle PG Simone Digrandi

La recente approvazione da parte del Consiglio Comunale del nuovo “Regolamento della Consulta Giovanile” fa registrare la seguente dichiarazione del consulente del sindaco per le politiche giovanili, Simone Digrandi.
“Non può esserci una partecipazione strutturata dei giovani all’attività amministrativa se lo strumento per eccellenza, la Consulta Giovanile riavviata da questa Amministrazione dopo anni, non è ottimizzato per lavorare efficacemente.
L’approvazione del nuovo regolamento, approvato mercoledì in Consiglio, ha permesso di rinnovare e superare quello del 1996 ed è l’esito di un lavoro che, in qualità di consulente per le Politiche Giovanili, ho proposto venisse svolto direttamente dai componenti della stessa Consulta che sono stati nominati a seguito di un apposito bando. Loro stessi si sono resi conto ‘sul campo’ dei limiti del precedente regolamento e hanno lavorato con notevole impegno, avanzando all’Amministrazione e poi al Consiglio Comunale una proposta.
Un’attività, svolta parallelamente alle altre iniziative portate avanti dalla stessa Consulta, che ha visto il supporto del sindaco, dell’assessore alle Politiche Giovanili Clorinda Arezzo, degli uffici e, in ultima battuta, dei consiglieri comunali con i loro emendamenti.
Il nuovo regolamento, che vede anche ridefinite le attribuzioni dell’organismo, permetterà: l’elezione, oltre che del vice presidente, di un presidente, entrambi scelti tra i ragazzi (in precedenza la Consulta era presieduta dal Sindaco o suo delegato), una maggiore chiarezza dei criteri per farne parte; una procedura di convocazione dell’organismo per casi di urgenza e necessità (per comprovati motivi, si può convocare la consulta tre giorni prima anzichè i soliti dieci); durata (2 anni), età (tra i 16 e i 35) l’impegno delle Amministrazioni, su richiesta della Consulta, di stanziare un fondo da destinare a iniziative e attività inerenti le politiche giovanili; l’allargamento, nella composizione, anche ad un rappresentante degli studenti delle sedi universitarie pubbliche presenti nel Comune di Ragusa (oltre ai già presenti studenti degli istituti pubblici di istruzione di 2° grado e dei centri di formazione professionale)
1l risultato è una Consulta più inclusiva ma anche più incisiva”.